27 giugno 2008

chat noir 2

rileggeva il log di una delle ultime chiacchierate su msn col tipo che lasciava commenti sul suo blog. aveva dapprima cominciato come anonimo, cosa deprecabile, ma scriveva cose intelligenti, coglieva particolari nei suoi post, di cose che nemmeno lei.
pian piano gli accessi avevano preso quota anche grazie alle schermaglie nei commenti tra i due, una specie di post nel post, si era acceso l'interesse di una quota della blogosfera per questa UST, unresolved sexual tension, elemento focale della sceneggiatura di ogni serie televisiva che si rispetti, tra la blogger e il suo commentatore.
poi i rapporti avevano iniziato a svilupparsi tramite messaggi privati e successivamente messenger, scambi di scritti, idee, opinioni e, dopo un po', fotografie.

- certo che se è lui è pure attrente oltre che sveglio - pensava di fronte allo specchio intenta nel darsi un trucco leggero leggero.

- chissà dov'è l'inghippo, maturo, single, carino e intelligente. doti che tra loro non vanno d'accordo, magari è un maniaco, un killer seriale - si ripeteva controllando che il vestito le cadesse bene sui fianchi.

- oppure è solo un turlupinatore, sposato, figli, lavoro noioso, moglie altrettanto, calcetto il giovedì sera, la partita di coppa del mercoledì cogli amici e magari lava la macchina alla fontanella il sabato pomeriggio (dio mio, no!) - chiuse la prima stringa sul collo del piede. i tacchi alti erano le sue pistole, finiva di allacciare il cinturone.

- se va bene è divorziato, con figli, vive in affitto chè la casa se l'è tenuta la strega, salti mortali per pagare bollette ed alimenti, evita la morte civile girovagando tra i blog mentre è in ufficio - chiuse la seconda stringa, si rialzò di tre quarti chiedendosi se quei due chili in più fossero poi così evidenti e se fosse stato saggio accettare di incontrarlo quella sera per un aperitivo al bar di largo dei colli albani. si passò una mano dalla vita a scendere, per stirare il tessuto del vestito, per saggiare la consistenza dei fianchi chissà. uscì di casa senza darsi risposte.



earlimart : : song for



 

3 commenti:

  1. sempre 'sti racconti romanocentrici però... non vale!

    esistono blogger anche al di sopra del rubicone eccheddiamine!!!

    RispondiElimina
  2. so' popo che d'accordo co' elena.

    RispondiElimina
  3. sì..è vero..ma non danno confidenza ai commentatori, quindi mutismo e rassegnazione sopra firenze, olè :-D

    RispondiElimina