14 luglio 2006

baygon

scese lentamente le scalette d'ingresso al comprensorio di villette sul mare popolate in gran parte da piccoli boss, palazzinari e strozzini d'alto rango quando incontrò sul penultimo gradino un grande scarabeo rigirato sul dorso che agitava le zampette appena.
talvolta grandi coleotteri africani arrivano fin qui portati da chissà quali correnti, o forse clandestini su un qualche natante. sentì una specie di comunione di storie e destini tra lui e lo scarabeo agonizzante, un pensiero che accarezzò il suo cuore con foglie d'ortica,
così con un colpetto gentile lo girò rimettendolo in assetto, per tornare libero e capace di sopravvivere poi continuò a scendere.
entrato in casa dalla porta sul retro si diresse deciso verso la stanza da letto da dove proveniva il rumore sordo di qualcuno profondamente addormentato, si fermò accanto alla poltroncina dov'erano ripiegati in buon ordine i vestiti. si fermò, a respirare, per mitigare quella sensazione ormai consueta di essere il bottone al centro di una camicia troppo stretta.
poi fece ciò che sapeva fare meglio e in fretta, avvitare un silenziatore e tirare il grilletto.
tornato su lo scarabeo era scomparso. Sorrise.


on air/radiohead & pavel osmolski::big ideas
 

7 commenti:

  1. Mi fa pensare alla masturbazione...

    sono malata vero?

    RispondiElimina
  2. ...un altro colpetto gentile...

    RispondiElimina
  3. (resto incantata da te...)


    ed anch'io avrei girato lo scarabeo, prima di arrivare a leggere del "colpetto gentile" ho sentito la mia schiena piegarsi verso terra, la mia mano muoversi decisa in un gesto immaginario, tenere quell'animaletto tra due dita e girarlo piano, "tic", come rimettere in piedi una pedina caduta.


    e la mia mente affascinata ha rievocato alla memoria quello stupore che provai, quell'emozione bambina incontrollabile quando vidi la tartaruga d'acqua cadere a gambe all'aria e poi con una torsione del collo, puntellando contro il fondo della vaschetta darsi la spinta e rimettersi dritta, sulle zampe.

    e lo sento ancora quel suono, quel "tonc" secco del suo movimento.


    break-dance...

    RispondiElimina
  4. Non posso esimermi, passando di qua, di lasciarti un saluto da Rana a Rana!!!! ;-) Ripasserò con calma a dare un'occhiata in giro :-)

    Cra cra cra, GeoRana

    RispondiElimina
  5. lerane..benvenute

    emi..emozione bambina incontrollabile, e hai detto tutto.

    e.l.e.n.a. ..ogni tanto.

    tinapika..in effetti avrebbe potuto anche farlo di fronte al letto, in alternativa. eros e thanatos giusto?

    RispondiElimina
  6. tra rane ci si intende..

    ciao Still, la solita estate invadente eh?

    ti bacio

    RispondiElimina
  7. sinforosa..quest'anno più che mai.

    RispondiElimina