29 marzo 2005

dopo cena (punti di vista)

"..no..ma come faccio..nun se pò..simmaccompagnano in macchina pure pure...mica te lo posso portà coll'autobus"
(cammino e ciondolo, in piazzetta chi vole er fumo me riconosce da come cammino)
"..tre pezzi..fra n'oretta.."
(me vojio mette a sède, so' stanco..emmò quello chi è?)
"..spè..dechè?..séntime..se vedemo dopo, te devo lascià..ciao, see..ciao!"
(chiccazzo è quello? sulla panchina mia, fuma tranquillo. troppo.)
(quanto c'avrà? trentacinque, quaranta forse. si è 'na guardia è bravo, nun è come l'artri che li riconosci ar volo. magari è un graduato)
(ecchevole un graduato da me? io spingo er fumo, mica ammazzo..)
(che poi spigne er fumo adesso è un reato grave..magari..stamo in campagna elettorale)
(magari vole proprio a me..)
(giro intorno alla piazza, guardo le ragazze che escono, l'ommini che tornano da lavorà, quelli che aspettano l'autobus)
(ma quello mica aspetta ammé)
(troppe canne poi te fanno diventà paranoico)
(e se per caso..?)
(che fa?..telefona..m'avvicino e sento che dice)
(..seee..amore..te amo lo sai...er bacetto..)
(lo sapevo, troppe canne, troppa paranoia, meno male che nun è 'na guardia)
(che smartita..me devo libberà de tutta 'sta adrenalina..mò piscio all'angoletto)
(che scola demmerda, te lo ricordi er maestro bruno?)
(le botte che me dava mi' madre dopo che parlava co' lui)
(-suo figlio oggi sa cos'ha combinato?- eggiùbbotte a casa.)
(ce piscio sula scola)
"senti..ma che aspetti quarcuno?"
(fatte 'n bibbitone de citrosotina la prossima vorta)
(invece de famme smartì così)
(me s'è bloccata a me la digestione adesso)
(stronzo)
(cheddici..caffè cor sambuchino?)

19 commenti:

  1. Franco: riecchice a sta piazzetta de merda. Ma sei sicuro che sta qua?

    Carlo: sine! Ieri l’artro er “pezzetta” m’ha detto che quello a st’ora lo trovi sempre qua. Gira, aspetta e quanno è sicuro molla er pezzo.

    Franco: po’ esse quello seduto alla panchina? Aho, pare proprio ch’aspetta.

    Carlo: noo! T’ho detto e te lo ripeto: alto, giovane e co le catene.

    Franco: embe, ce credo, co tutta sta neve! A Ca’, che cazzo stai a di’?

    Carlo: ma si, dev’esse un po’ metallaro, in quer senso c’ha le catene!

    Franco: zitto che forse è lui.

    Carlo: …

    Franco: Cazzo fa?

    Carlo: Occhio ch'ha puntato quello sulla panchina

    Franco: daje che ce semo. Guarda come je gira ‘ntorno… prudente l’amico!

    Carlo: appena je s’avvicina troppo se lo bevevo.

    Franco: so’ proprio bestie! Sta a piscia sur muro, come i cani. ‘na cacarella de dovrebbe pija!

    Carlo: ha finito sto merda. Occhio che… ecco, je sta di’ quarcosa.

    Franco: appena je passa er fumo scattamo.

    Carlo: …

    Franco: ‘mbe… se ne vanno? Capito va, n’antro liscio.

    Carlo: appena lo pio quello stronzo… ce puliso er cesso cor “pezzetta”

    Franco: ‘namo va, ‘nnamose a pija ‘n caffè

    Carlo: sì e magari co no schizzo de sambuca

    Franco: vabbe ma sto giro paghi tu.

    RispondiElimina
  2. E io che credevo non ci fossero difficoltà qua e adesso devo scontrarmi con la Lingua ;-)

    RispondiElimina
  3. bellissimo. punti di vista, appunto. un bacio still....

    RispondiElimina
  4. hyero..allora c'erano le guardie?!

    ubikindred..quella batte sempre dove duole il dente, a volte finisce morsicata, infatti.

    lilaluna..mi piacerebbe conoscere il punto di vista della sambuca, a questo punto.

    RispondiElimina
  5. Beh, dài....è già un passo avanti ;-)

    RispondiElimina
  6. il ciondolare porta sempre più lontano di quanto ci si possa aspettare..

    RispondiElimina
  7. il tuo commento però c'entra colmio da ubikindred... hihihi

    RispondiElimina
  8. io ho capito il post, almeno credo...

    hihihi

    RispondiElimina
  9. non l'ho ancora letto, son in una fase di studio matto e disperatissimo, l'ho prestato al mio ragazzo e su quelle tavole ha trscorso le sue ore notturne...

    RispondiElimina
  10. zumal..benvenuto. a mio avviso tu ciondoli.

    efimero1..benvenuta anche a te. esatto.. il commento non solo è off topic col tuo post ma è riferito ad altro blog. metto in pratica gli insegnamenti di ubi (maestro disordinatore dell'universo).

    efimero2..il post è il seguito di "dopo cena", il punto di vista del pusher.

    ubikindred..tutto partì da un frigo, io ci farei un post. guarda un po'..

    RispondiElimina
  11. mi hai fatto venire voglia di caffè con un po' di sambuca. :-* manu

    RispondiElimina
  12. nel frigo ubicata era la sambuca? in attesa di essere versata?

    o anche lei fingeva telefonate per distrarre il barista?

    passava un pesce da quelle parti?

    RispondiElimina
  13. manu..anche col mistrà, che è più secco, non è niente male.

    pdc..quanta carne al fuoco, il pesce no perchè è ancora rotto. comunque il frigo è di ubikindred, attualmente alle prese con una causa a lui intentata da una ricotta trascurata. efimero ebbe a commentare, io di rimando commentai della ricotta sul blog di efimero, creando a quel punto non poca confusione. al contempo un altro frigo, quello di eddiemac, viene commentato da ubikindred..insomma, un freddo che non ti dico. però la tematica del frigorifero e relativo contenuto potrebbe essere adeguatamente sviluppata con un post apposito. ma se vuoi davvero conquistare un barista a mio avviso, devi chiedere una cedrata corretta col punt&mes..

    RispondiElimina
  14. io riesco ad ascoltare la musica e anche altre persone mi hanno confermato che si sente...che antipatico questo firefox!!! :-P


    mi spiace perchè, non dico quotidianamente, ma a seconda dell'umore e dell'eventuale post metterò una canzone diversa. tu sai quanto conti la musica nella mia vita...


    comunque in assenza di suoni ti regalo almeno le parole di Effetto notte (Diaframma)


    La musica che vive nel sottosuolo,

    la musica che non vuole venire alla luce.

    Le mura trasudano calde

    e dietro le inferriate le grida

    dividono il mondo

    dai battiti del cuore.


    Una vita disperata,

    protesa verso il nulla,

    ma vissuta fino in fondo

    questa e' la mia rinuncia a vivere

    questa è la mia RINUNCIA a vivere

    questa è la mia rinuncia a VIVERE


    Mi sento staccato da terra

    posso vedere soltanto

    le infinite gradazioni del nero

    e morire in un respiro, e morire in un respiro.

    RispondiElimina
  15. come fai a confondere uno sbirro?

    RispondiElimina
  16. milford..è semplice, gli offri un caffè con taaanta sambuca..

    RispondiElimina
  17. I commentio incrociati hanno una loro raqgion d'essere in realtà...

    Non so con chi giocasse....ma temo di essere ragionevolmente sicuro che non giocasse con me (purtroppo....)...

    RispondiElimina
  18. Sì, in effetti credo di averci giocato anch'io in passato ;-)

    RispondiElimina